Il Sito Ufficiale di Fran Tarel dal 1999
Seguici su Facebook

Camillo Sbarbaro

Ora che sei venuta,che con passo di danza sei entrata
ella mia vitaquasi folata in una stanza chiusa -a festeggiarti, bene tanto atteso,le parole mi mancano e la vocee tacerti vicino già mi basta.Il pigolìo così che assorda il boscoal nascere dell`alba, ammutoliscequando sull`orizzonte balza il sole.Ma a te la mia inquietudine cercavaquando ragazzo
ella notte d`estate mi facevoalla finestra come soffocato:che non sapevo, m`affannava il cuore.E tutte tue sono le paroleche, come l`acqua all`orlo che trabocca,alla bocca venivamo da sole,l`ore deserte, quando s`avanzavanpuerilmente le mie labbra d`uomoda sé, per desiderio di baciare…

Camillo Sbarbaro

Amico è con chi puoi stare in silenzio.