Il Sito Ufficiale di Fran Tarel dal 1999
Seguici su Facebook

Giovanna Balsamo

Non tutti amano ascoltare. Col tempo si è perso il gusto. “Non ci sono più i sapori di una
volta” – amerebbe affermare un amante dei bei tempi andati. Capita soventemente di
rivolgersi a persone sorde – non prive di udito, ma bensì estremamente narcise e
materialiste. Ciò che conta per costoro non è l’essere ma l’apparire. Si mostrano quali
umilianti quanto servili oggetti da collezione, per qualche amante del nulla e del becero
qualunquismo. Niente musica, nè canto. Solo distratte dissertazioni, verso inezie di cui non se ne
comprende il senso. Asservimento allo stato puro e senza sconti. Accade quindi che la
ricchezza interiore, meta ambita da pochi, viene spesso indirizzata in una realtà troppo
distante, spesso confinata nel mondo della fantasia. Oltre il raziocinio, aldilà del tangibile
materialismo, prende forma la vera essenza spirituale. È lì che soggiornano, albeggiano e
tramontano i sogni, che si ritrovano all’unisono a cantare, per la gioia di un pianista che
ritrova il gusto di suonare.

Giovanna Balsamo