Il Sito Ufficiale di Fran Tarel dal 1999
Seguici su Facebook

K-M.

Tradire e` una parola che gia` di per se, suscita angoscia, che fa star male, forse perche` ti fa pensare a quanto si puo` essere ingenui a fidarsi di chi ti sta vicino, di chi ti ha sempre trasmesso sicurezza, tranquillita` e sicuramente non ti ha mai dato nessun motivo per dubitare.
La verita` pero` e`, che spesso nonostante sono presenti in un rapporto tutte queste caratteristiche, (tranquillita`, sintonia, stima, lealta`) il tradimento avviene lo stesso e forse……………e ` peggio.
Il tradimento pero`, pur non giustificandolo, puo` avvenire per svariati motivi, si puo` creare una situazione particolare, puoi trovare in una persona che non e` il tuo compagno/a di vita, cio` che hai sempre desiderato, ma che non hai mai avuto; puoi riuscire a convincerti che cio` che fa lui/lei per te, il tuo compagno/a non lo farebbe mai; insomma, l` usare frode contro chi ha fiducia in te, non e` sicuramente una cosa bella da fare, pero`…..… succede!
L`ideale, sarebbe fermarsi prima del dovuto, ma sarebbe troppo semplice, troppo razionale e, siccome di razionale in un tradimento c` e` sicuramente poco, bisognerebbe quanto meno valutare bene, la propria situazione, soprattutto se si e` una coppia con figli; perche` diciamoci la verita`, chi poi effettivamente, fa i conti con il risultato (spesso drastico) del fatidico tradimento, sono proprio i figli.
Si i piccoli e indifesi figlioletti, che hanno sempre trascorso le loro giornate con i genitori, in maniera perfetta, gioiosa, felice e poi all`improvviso, dopo aver condiviso l`infanzia con entrambi, si ritrovano nella versione pacco postale, un giorno dalla mamma, due dal papa`, interi pomeriggi dai nonni e a volte dalla prima baby sitter disponibile.
Ma insomma, valutando tutto cio` e soprattutto se ci sono bambini in famiglia, e` davvero il caso di rinunciare alla tranquillita` della propria casa, alla quotidianita`, alla lealta???
Non c`e` una risposta a questa domanda, non e` una domanda facile, bisogna trovarsi nella situazione; bisogna vivere la “passione“ che forse, non provavi da tempo e ora ti ha rimesso in vita, “ l` angoscia“ per i tuoi cari che forse non lo meritano, “l`ansia“, che ti corrode ma che ti da adrenalina, la “gioia“ di vivere una nuova giornata assieme, per giudicare chi tradisce.
E si, e` facile giudicare, discriminare, dissociarsi per chi ne e` al di fuori, ma forse e` difficile per chi , pur volendo razionalmente mollare, non riesce a controllare l`istinto.