Il Sito Ufficiale di Fran Tarel dal 1999
Seguici su Facebook

William Shakespeare

Odiami dunque adesso,se lo vuoi,ora che il mondo a contrastarmi seguita,piegami giù,fa` lega con la sorte,
on affacciarti per estrema perdita.Oh no,se scampa a queste strette il cuore
on dar rinforzi a un`angoscia in disfatta,
on dare a un vento buio alba di pioggiaa tardare,già certa,la catastrofe.Se vuoi lasciarmi non lasciarmi all`ultimo,di già sfiancato da futili pene,ma assalta primo,perchè prima io gustidi possente Fortuna il più e il peggio.E ogni altra angoscia che ora par mortale,di fronte al perder te,non parrà uguale.

William Shakespeare

Addio! Troppo sei caro perchè io i possieda, e sai bene quanto vali:l`elenco dei tuoi pregi ti fa liberoe son tutti scaduti i miei legami.Se non perchè vuoi tu, come t`avrei?E qual merito è il mio per tal tesoro?In me non c`è motivo al dono belloe così il privilegio mi ritogli.Ti concedesti il valor tuo ignorandoo equivocando in me, cui l`arrendevi:così il gran dono, crescente in isbaglio,con più maturo giudizio riprendi.Ho avuto te come il sogno ci illude:un re nel sonno – e al risveglio,più nulla.

William Shakespeare

Libidine, libidine; e ancora guerre e libidine: niente altro resiste alle mode.

William Shakespeare

Contemplando dal tempo sfiguratii tesori d`età sfatte e sepolte, alora,e torri superbe prostrateo il bronzo schiavo a mortali furori;vedendo entrare l`oceano affamatosaccheggiando i reami della riva,e volta a volta la terra sull`acque rionfar mutando signorie e sconfitte;così scambiarsi le sorti vedendodi questo mondo,o in tutto ruinare,a meditare ho imparato che il tempoverrà e il mio amore rapirà lontano.E morte è un tal pensiero,senza scelta,che piange avendo quel che perder teme.

William Shakespeare

Non chiedo e non mi curo di sapere se il tuo cuore ?
colpevole: chiunque tu sia, so che ti amo.

William Shakespeare

Se pensier fosse la mia carne stancal`empia distanza non m`arresterebbe,saprei arrivare, gli spazi annientando,dai limiti del mondo fino a te.Invano allor calpesterei le landepiù remote dal luogo che ti serra:mari e terre il pensier rapido varcae, dov`esser vorrebbe,e pensa ed è.Pensar m`uccide che pensier non sonoper balzarti in un lampo,se mi manchi;ma d`acqua e terra son fatto,e con dogliadeva aspettare quel che al tempo piace:e sì tardi elementi non mi dannoche il pegno loro,lacrime pesanti.

William Shakespeare

Potrei forse cantarti senza orgoglioquando sei tu di me la miglior parte?Se mi lodo,qual pregio ne otterrò?E il vantarti che è,se non vantarmi?E dunque separiamoci,nè il caro
ostro amore sia più singola cosa:poi che divisi vivremo,donare i potrò quel che a te si addice solo.Oh assenza,come avresti orrido voltose la tua inerzia acerba non lasciasse empo soave a pensieri d`amore,che il tempo e ipensier soave inganna; u m`apprendi a far due d`uno soltanto,lodando qui chi m`è tanto lontano.

William Shakespeare

Stremato vado affrettandomi al letto,
iposo caro al viaggio travaglioso,ma un altro corso mi comincia in testa,spossa la mente,or che le membra posano.I pensieri dalla remota stanza endono pellegrini verso te,le palpebre malchiuse mi spalancanosu quel buio,ove ficca gli occhi il cieco.Se non che l`anima immagina e vedee ai ciechi sguardi la tua porge,quale gioiello in notte orrida pendee,vecchia e nera,la fa bella e giovane.Così la mente a notte,il dì le membraper te,per me,non san trovare quiete.

William Shakespeare

Ti dirò uguale a un giorno d`estate?Più temperanza tu hai,più dolcezza:i molli bocci sferza il vento al maggioe l`estate ha scadenze troppo brevi.Talor l`occhio del cielo a dismisuraarde,e si vela il dorato sembiante,e per sorte o mutevole naturapur inclina ogni cosa bella e cade.Ma la tua estate eterna non scolorae non si priverà di tua bellezza,
on ha vinto su te la morte,l`ombra,quando al tempo tu cresci in linee eterne.Finchè l`uomo avrà occhi,avrà respiro,vive la mia parola, e in lei sei vivo.

William Shakespeare

Oh non dir mai che falso fu il mio cuore,se l`assenza stemprarmi il fuoco parveda me stesso potrei piuttosto sciogliermiche dall`anima mia,che in te ripara:lì è l`amoroso mio nido e,se errai,come il viaggiante lì faccio ritorno,a tempo,ma dal tempo non mutatol`acqua recando che mia colpa tolga.Mai non pensar,se pur d`ogni più fragile
atura i vizi in me tenesser regno,che un tale assurdo potrebbe macchiarmi:cambiar col nulla il più colmo dei beni;chè nulla l`universo vasto io numerose non ci sei,nia rosa,tu,il mio tutto.

William Shakespeare

Come il cibo alla vita sei per me,come alla terra acquazzoni di maggio,e per tuo amore così mi tormentocome per l`oro suo pena l`avaroche del possesso ora esulta,ma già eme che i suoi tesori involi l tempo:e ora bramo di starti unico accantoora che il mondo ammiri il mio piacere,sazio talor soltanto del vederti,poi subito affamato di uno sguardo;e non v`è gioia ch`io tenga o insegua,se da te non l`attendo o non m`avanza.Così divoro e languo ognor,vorace utto afferrando o morendo di fame.

William Shakespeare

Mentono i versi che una volta ho scritto,dissi:<>;ma all`intelletto era allora incredibilech`io,sì colmo,avvampassi ancor più chiaro.Guardando al tempo,che in vicende a millescongiunge i voti e muta legge ai re,scurisce la beltà sacra,i più finistempra,i forti nel suo flusso traveste;ah del tempo implacato nel timorecome non dirti:<>quando l`incerto m`era certo e l`oggiincoronavo,del futuro in dubbio?E` un bimbo Amore,non dire dovevo,lasciar pienezza a quel che ancora cresce.

William Shakespeare

Chi la nascita e chi la maestriavanta, chi le ricchezze o il vigore,chi vesti conce all`ultimo grido,racchi e falconi,o i cavalli ancora.Nel suo piacere ogni umor si compiaceove un diletto trovi oltre ogni bene,ma niun di questi al mio può misurarsi,chè li supero in un bene supremo.Più è l`amor tuo per me che un`alta nascita,più che ricchezze ricco o pregiatissimevesti,è più gioia che falchi o cavalli:ho te,e l`orgoglio d`ogni uomo vinco.Ma una sventura c`è:tutto puoi togliermie farmi il più sventurato degli uomini

William Shakespeare

Quando ti disporrai a ignorarmil`occhio sprezzante volgendo ai miei meritiavverso a me combatterò al tuo fianco:spergiuro sei,ti proverò valente.Assai conosco la mia debolezzae a difenderti inventerò una storiadi colpe che mi macchiano in segretosì che ti venga,a perder me,gran gloria.Ma così fra chi vince anch`io sarò,chè i pensieri amorosi in te riparo, utti,e se i torti che in me stesso volgo i dan vantaggio,a me doppio lo danno.Tale è il mio amore,così t`appartengoche per darti valor m`addosso il peggio.

William Shakespeare

Sono il tuo schiavo, a che mai dovrei attenderese non ai tempi del tuo desiderio?Tempo prezioso altro non ho da spendere
è servigi, finchè tu non li chiedi.Non oso accusar l`ora senza termine -mio signore – se scruto sul quadranteattendendoti, o il crudo dell`assenzapoi che al tuo servo l`addio pronunciasti.Non oso chieder col pensier gelosodove esser puoi, che fai, immaginare:come uno schiavo triste penso soloquanta gioia dai ora a chi t`è accanto.Sì folle è amore, che nella tua voglia -fa` ciò che vuoi – nulla di male coglie.

William Shakespeare

Fra l`occhio e il cuore s`è stretta alleanzaadesso, e l`un rende l`altro servigi,quando l`occhio mi ha fame di uno sguardoo sfanno il cuor gli amorosi sospiri:del mio amore fa festa con l`immaginel`occhio, e il cuor chiama al dipinto banchetto;all`occhio ospite è il cuore in altri casie i pensieri d`amor con lui parteggia.Così, in immagine o nell`amor mio,lontano, sei con me presente sempre:Dei pensieri più in là non puoi fuggiree sempre io son con loro e lor con te,o, se dormono, l`immagine apparee il cuor risveglia,e il cuore e l`occhio affascinWilliam Shakespeare£Il ricco io sono,cui beata chiavecondurre può al suo dolce tesoro;ma d`aprirlo sovente egli si guarda,chè piacere sottil raro si sfiora.Così sacre e solenni son le festeche rare stellano il giro dell`anno,quasi pietre discoste in un diademao le gemme che raggiano più alte.Per me lo scrigno è il tempo che ti chiude,guardaroba che ricca veste celia far più lieta un`ora non comunedisserrando i suoi fasti prigionieri.Tanto vali,che sempre puoi donare:se vieni, gioia; speranza, se manchi.

William Shakespeare

Occhio e cuore hanno in me guerra mortalechè la tua vista vogliono spartirsi:al cuore l`occhio sbarrare l`immaginevorrebbe,il cuor nega all`occhio i diritti.Afferma il cuore che dimori in lui -scrigno ove d`occhi il cristallo non penetra -ma un tale asserto l`avversario esclude:<>.S`è riunito per assegnare il titoloun giurì di pensieri(partigiani utti del cuore) e in verdetto han decisoquanto al chiaro occhio spetta e al cuore caro,così: all`occhio la parte che è fuori;l`amor che hai dentro,è diritto del cuore.

William Shakespeare

Potrà mancar soggetto alla mia Musafinchè respiri tu, che infondi al versoil tuo dolce argomento, troppo in superchè a carte volgari si conceda?A te dà grazie, se alcunchè di mio i sta di fronte degno che si legga:e chi su te mai non saprebbe scriverese l`invenzione illumini tu stesso?Sii la decima Musa,più sublimedi quelle antiche nove oggi invocate,e in chi s`ispira a te nascano ritmieterni,a vivere in tempi lontani.Se quest`età ipercritica m`approvamia è la fatica, solo tua la lode.

William Shakespeare

Per quel che hai fatto non piangere più:spini han le rose e il puro fonte fango,macchiano nubi e eclissi e sole e lunae il verme vive nel bocio più caro.Erra ogni uomo,e io son pur da tantose ti levo la colpa con raffrontiinfettandomi pur di risanarti,dando scuse oltre il giusto alle tue onte;al tuo sensuale fallo un senso recoe t`è avvocato la tua parte avversa,è contro me che a difendere imprendoe dentro l`odio e l`amor mio guerreggianosì che per forza complice divengodel dolce ladro che aspro mi saccheggia.

William Shakespeare

Perchè un giorno radioso m`hai promessosì che senza mantello mi partii,e ti sei chiuso nel fumo di nembisordidi che m`han sorpreso per via?Non basta ora che tu la nube rompaa rasciugarmi in faccia la tempesta:chi loderà il rimedio che coprela piaga e il guasto al fondo non arresta?Se ti vergogni il male non mi sani,sei pentito,ma sempre e ancora io perdo:di chi offese l`angustia a pena valeil duro danno che resta all`offeso.Ma son perle d`amore le tue lacrime,e sontuose,e ammontano il riscatto.

William Shakespeare

Chi è nel favore delle stelle,vantipubblici onori e titoli orgogliosi -io,cui nega Fortuna un tale ammanto,godo non visto di quel che più onoro.Dei grandi i favoriti apron le fogliequale calendula al sole si schiude,ma il loro orgoglio è in loro già sepolto:un corruccio – e nel colmo son perduti.Il guerrier faticoso,in armi celebre,dopo vittorie a mille a un primo smaccodal libro dell`onore si scancellae quel s`oblia per cui tanto ha penato.Felice me che riamato amodove nè io nè altri può staccarmi.Quando genti e fortuna mi rinneganoio,solitario,compiango il mio esilioe invano grido al cielo indifferentee guardo me e al destino maledico.Mi vorrei come questi,di speranzepiù ricco,o quegli.corteggiato e bello;il poter di costui,d`altri le artiinvidio e ogni mia gloria più didegno;ma quando quasi a spregiarmi nell`intimoson giunto,ecco,ti penso:e come rompeall`alba in volo l`allodola,l`innodal cupo della terra i cieli intocca.Che se l`amore tuo dolce ricordo
eppure con un re muterei sorte.

William Shakespeare

Sono una piuma esposta ad ogni vento che soffia.

William Shakespeare

Buono speziale, dammi un`oncia di zibetto per raddolcire la mia immaginazione.

William Shakespeare

La tua vecchia verginità è come una delle nostre vizze pere francesi: è brutta, è secca al gusto.

(William Shakespeare)

Sei tu la parte migliore di me stesso, il limpido specchio dei miei occhi, il profondo del cuore, il nutrimento, la fortuna, l’oggetto di ogni mia speranza, il solo cielo della mia terra, il paradiso cui aspiro.

William Shakespeare

Non c`è bestia tanto crudele che non abbia un po` di pietà.

William Shakespeare

Sii casta come il ghiaccio, pura come la neve, tu non sfuggirai alla calunnia.

William Shakespeare

Vorrei che non esistesse quell`età tra i sedici anni e i ventitré o che la gioventù dormisse per tutto quell`intervallo; perché non c`è nient`altro in mezzo se non ingravidar le ragazze, offendere gli anziani, rubare ed azzuffarsi.

William Shakespeare

Sì, tutte le nostre gioie sono vane, ma ancor più vane sono quelle che, comprate col dolore, ereditano il dolore.

(William Shakespeare)

Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l’altro si allontana…
Amore è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai…
Amore non muta in poche poco tempo ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio…

William Shakespeare

Se hai bellezza e nient`altro, hai più o meno la miglior cosa iLa bellezza da sola persuade / Gli occhi degli uomini senza aver bisogno d`avvocati.

William Shakespeare

Chi è geloso non lo è mai per un motivo, ma perché è geloso.

William Shakespeare

Oh! guardati, mio signore, dalla gelosia: è il mostro dagli occhi verdi che schernisce la carne di cui si nutre.

William Shakespeare

La bellezza da sola persuade / Gli occhi degli uomini senza aver bisogno d`avvocati.

William Shakespeare

Non si è ancor mai vista donna bella e stupida.

William Shakespeare

Bello è brutto e brutto è bello.

William Shakespeare

La bellezza tenta i ladri più dell`oro.

William Shakespeare

C`era una stella che danzava e sotto quella sono nata.

(William Shakespeare)

Una goccia del tuo profumo basta a riempire la mia stanza… un pò del tuo amore basta a colmare la mia vita.

William Shakespeare

Datemi l`uomo che non è schiavo delle passioni e lo porterò nel nucleo, sì, nel più profondo del mio cuore, come faccio con te.

William Shakespeare

L’amore corre verso amore, con la gioia con cui gli scolari lasciano
i loro libri, ma al contrario amore lascia amore con quella mestizia
nel volto con la quale gli scolari vanno alla scuola

William Shakespeare

Nessuna barriera può resistere all`amore. L`amore osa tutto quello che può

(William Shakespeare)

Il cuore è la fragile sede delle emozioni come la mente è l’incontenibile sede dell’animo.

William Shakespeare

Devo prendere a prestito dalla notte un`ora oscura o due.

William Shakespeare

Nostalgia: il ricordo delle cose passate.

William Shakespeare

Ho una sorta d`alacrità nell`andare a fondo.

William Shakespeare

Così si uccide una moglie con la gentilezza.

William Shakespeare

Perché una moglie allegra fa un marito triste.

William Shakespeare

Assomiglia al fiore innocente, ma sii il serpente sotto di esso.

William Shakespeare

Vado pazza della sua stessa assenza.

William Shakespeare

La virtù è ardita e la bontà non ha mai paura.

William Shakespeare

Ride delle cicatrici d’amore,
chi non ha mai provato una ferita.

William Shakespeare

L’amore è un fumo che nasce dalla nebbia dei sospiri; se purificato, è un fuoco, che guizza negli occhi degli amanti, se agitato, è un mare che si nutre delle loro lacrime.

William Shakespeare

Gli angeli ancora risplendono, anche se è caduto quello più splendente.

William Shakespeare

Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l’altro s’allontana. Oh no! Amore è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai; Amore non muta in poche ore o settimane, ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio; se questo è errore e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato.

William Shakespeare

Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l`altro s`allontana. Oh no! Amore è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai ;Amore non muta in poche ore o settimane, ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio; se questo è errore e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato.

William Shakespeare

Ma tu chi sei che avanzando nel buio della notte inciampi nei miei piu’ segreti pensieri?

William Shakespeare

Quanto spesso gli uomini sono stati allegri poco prima di morire!

William Shakespeare

Se non ricordi che Amore t’abbia mai fatto commettere la più piccola follia, allora non hai amato.

William Shakespeare

Puoi depormi dalle mie glorie e dal mio stato, ma non dai miei dolori: di quelli io sono ancora il re.

William Shakespeare

Buona notte, buona notte! Separarsi è un sì dolce dolore, che dirò buona notte finché non sarà mattina.

William Shakespeare

Quando arrivano i dispiaceri, non arrivano come singole spie, ma in battaglioni.

William Shakespeare

Due stelle non si muovono nello stesso orbe.

William Shakespeare

Non peggior marito del migliore degli uomini.

William Shakespeare

Amore guarda non con gli occhi ma con l`anima…

William Shakespeare

La ricchezza del mio cuore è infinita come il mare, così profondo il mio amore:
più te ne do, più ne ho, perché entrambi sono infiniti

William Shakespeare

Come, per fare gli appetiti aguzzi,s`urge il palato con salse che rodonoo, pria che un male si svegli, con purgheci ammaliamo ad allontanare i morbi,colmo di tue dolcezze insaziabilimi condii il cibo con agre miscele;il benessere infiacca, e quasi amaipatire prima d`esserne costretto.Così d`amor l`astuzia anticipandomali non nati, crebbe a errore certo,un`eccedente salure stremandocol dar malanno in cura al troppo bene.Ma di lì appresi la lezione e seppi:chi è malato di te, cerca veleni.

William Shakespeare

Da quando ti ho lasciato il mio occhio è nella menE l`occhio che mi guida mentre vado in giroAbbandona il suo ruolo: è in parte cieco,Sembra vedere, ma in realtà è assente:Al cuore non trasmette più nessuna formaD`uccello, di fiore… nessuna forma che il cuore L`occhio afferra ma non spartisce con la mente,Né trattiene in sé l`immagine che ottiene;Che veda la più brutta o più gentil visione,Il viso più dolce o quello più deforme,Il monte o il mare, la notte o il giorno,Il corvo o la colomba…a tutti dà i tuoi tratti.Incapace di contenere altro, colma di Te,La mia mente più vera rende falso ciò che vedo.